Miglior Manichino Stiracamicie Automatico – Scelta e Recensioni

Se cerchi il miglior stiracamicie automatico, qui troverai le mie recensioni e una guida per sceglierlo!

Ok, diciamocelo sinceramente: stirare è una gran rottura di palle, e lo dico io che in realtà stiro pochissimo, giusto lo stretto indispensabile. Ebbene, oggi possiamo approfittare di un gadget che in apparenza potrebbe sembrare stupido, ma che in realtà funziona davvero. Il suo esordio in Italia è avvenuto per merito della Lidl, e da quel momento gli shop online sono stati invasi da prodotti quasi identici appartenenti a marchi diversi. Ma cos’è e come funziona? Scopriamolo insieme!

Cos’è lo stiracamicie automatico

Non appena farai l’unboxing del pacco, ti accorgerai subito dell’estrema facilità d’uso e di montaggio di questo stranissimo gadget. In pratica, il “cuore” di questo apparecchio è il corpo rettangolare con il motore incorporato, che approfondiremo più avanti. Sul corpo motore dovrai montare il bastone telescopico, che potrà essere allungato in base alle tue necessità. Sul bastone troveranno invece spazio le spalline, che ti aiuteranno a tenere in piedi la camicia. Nella confezione troverai anche una busta con le maniche, che dovrai usare per “vestire” il manichino, e sulla quale poi metterai la camicia da stirare.

Nota: per favorire il processo di distensione dei tessuti, se la camicia è molto asciutta, ti conviene usare uno spruzzino per vaporizzare un po’ d’acqua sull’indumento, prima di avviare la macchina.

Quando attiverai il corpo motore con la ventola, il saccone di plastica si gonfierà, e questo permetterà alla camicia di “stiracchiarsi”, così da eliminare le pieghe. Considera inoltre che nel sacco si trovano una serie di micro-fori, dai quali uscirà il calore del flusso d’aria prodotto dalla base. È chiaro che questo “extra” sarà utile per asciugare le tue camicie, nel mentre che lo attiverai per stirare il capo d’abbigliamento. Prima di andare avanti, sappi che l’orlo inferiore del sacco con le maniche va fissato alla “testa” della base: in questo modo l’aria non potrà uscire da sotto e il saccone si gonfierà come una mongolfiera!

Veniamo alla base. È il pezzo principale del tuo stira camicie automatico, ed è dotata di un motore con ventola. Nella maggior parte dei casi non è presente il termostato, dunque non potrai selezionare il livello di calore prodotto dalla macchina. Di solito, si trova solo una manopola che ti permette di stabilire il tempo di funzionamento dell’apparecchio, dunque un vero e proprio timer. In alcuni modelli leggermente più avanzati, come lo stiracamicie della Lidl, trovi un piccolo display touchscreen al posto della manopola.

Nota: il CLEANmaxx, fra le altre cose, ha anche una funzione vapore, che ti consente così di stirare e rinfrescare rapidamente le camicie già asciutte o indossate in precedenza!

L’omino stira camicie può essere usato anche per stirare e asciugare t-shirt, camicette e maglioncini leggeri. Se è presente in dotazione l’apposito accessorio, potrai usare questo apparecchio per stirare e asciugare anche i pantaloni. Alle volte sono presenti anche altri accessori come le mollette-peso, che servono per “allungare” la camicia, così da farla stiracchiare meglio.

Il manichino stiracamicie funziona davvero?

Chiariamoci: il risultato finale non potrà mai essere al livello di ciò che otterresti stirando a mano una camicia, una polo o una magliettina. Qualche piega rimane ed è normale che sia così, quindi se devi indossare qualcosa per un evento importante, per lavoro o per una serata galante, un colpetto di ferro da stiro “alla vecchia maniera” lo dovrai dare. Se invece non hai esigenze particolari, allora lo stira camicie ad aria ti regalerà delle performance più che accettabili.

Uno dei principali vantaggi di questo apparecchio è il seguente: nel mentre che stira, provvede anche ad asciugare il capo d’abbigliamento. Il calore che esce dai fori del sacco del manichino svolge alla grande il suo lavoro, al punto che in 6-7 minuti circa la polo o la camicia è pronta per essere indossata. Per i pantaloni il processo è ovviamente più lungo, dato che servirà più tempo per asciugare il tessuto, essendo più pesante!

Vantaggi e svantaggi dell’omino per stirare

La maggior parte dei vantaggi oramai dovresti conoscerli a memoria. Per prima cosa, ti dà la possibilità di sfruttare due funzioni in una: stirare le camicie e al tempo stesso asciugarle, grazie alla fuoriuscita dell’aria calda dai fori del manichino. Naturalmente risparmierai anche molto tempo e fatica, dato che l’apparecchio funzionerà in automatico, consentendoti di sbrigare altre faccende domestiche nel frattempo. Se è presente l’opzione vapore potrai anche rinfrescare i tuoi capi in un batter di ciglia, e con tutta la facilità del mondo, visto che è semplicissimo da usare!

Per quel che riguarda gli svantaggi, ricorda che non riuscirai ad ottenere una stiratura a regola d’arte. Per i vestiti eleganti la stiratrice automatica è poco indicata, anche perché non riesce a lisciare perfettamente i tessuti in prossimità di zone particolari come i polsini e il colletto. Se proprio cerchi la perfezione, dovrai dare un colpo di ferro da stiro in queste aree, per riuscire ad ottenere un risultato da 10 e lode. Infine (ma non è un difetto) non sempre la confezione include il sacco a forma di pantalone, che dovrai comprare a parte se desideri stirare anche questo tipo di indumento.

Ritornando ai vantaggi, questo dispositivo è ideale per un uso in mobilità. Se devi viaggiare e non hai molto tempo a disposizione, né un ferro o un’asse da stiro, allora lo stira camicie ad aria diventerà un prezioso alleato per il tuo look. Naturalmente la comodità dello stiratore riguarda anche chi non ha un minimo di esperienza con i classici ferri da stiro, e ha paura di causare un’apocalisse fatta di camicie carbonizzate.

Nota: una comoda alternativa, per chi viaggia, è il ferro da stiro senza filo. Se ti incuriosisce, ti consiglio di approfondirlo leggendo la mia guida!

Migliori manichini stira camicie automatici [RECENSIONI]

1. EOLO Stiracamicie e Pantaloni SA06 SP StirAsciugatore

Sgancio subito la bomba e parto con lo stiratore di camicie per eccellenza, un omino di tipologia professionale con una serie di qualità tecniche impressionanti. Per prima cosa, il SA06 SP viene venduto con il manichino classico e con quello per stirare i pantaloni, ed è compatibile con tutte le misure possibili, compresa la super XXL (fino alla taglia 52 a partire dalla 38).

È ideale per spianare qualsiasi “ruga” in qualsiasi tessuto, dal cotone fino ad arrivare alla seta, senza nessun tipo di problema. Sia la pressione sia il calore vengono regolati in automatico dal generatore d’aria incorporato, e la struttura ha una serie di rotelle basculanti che ti consentiranno di spostarlo agilmente in giro per la casa. Puoi ovviamente regolare l’altezza dell’omino, e contare su un’efficacia impressionante, per via di un potente motore da 1.650 watt.

Rispetto ai prodotti economici ha una struttura molto solida e robusta, che garantisce alla macchina di “sopravvivere” per diversi anni. La funzione di riscaldamento non è un mero extra, perché riesce ad asciugare perfettamente i capi senza lasciare aloni o zone umide. Eccellente la stiratura, che agisce con efficacia anche in zone difficili come i colletti e i polsini. È vero che il costo è molto alto, ma ricorda che si parla di uno stira camicie automatico di livello professionale, impiegato anche presso le lavanderie.

Quali sono gli altri vantaggi da sottolineare? L’asciugatura e la stiratura vengono completate in 7 minuti circa, e il motore può andare avanti ininterrottamente per tutto il giorno, senza surriscaldarsi o entrare in protezione. Raggiunge una temperatura massima pari a 60 gradi, e in linee generali è quasi impossibile trovare di meglio!

Nota: sappi che c’è anche una versione meno costosa e pensata per un utilizzo domestico. Si tratta del SA05 e, rispetto al “fratello maggiore”, ha un motore leggermente meno potente.

2. KLARSTEIN ShirtButler Pro Asciugatura e Stiratura 1200 W

Ha un costo più che abbordabile, e a mio avviso è uno dei migliori in circolazione, se parliamo degli stira camicie di livello casalingo e senza troppe pretese. A dispetto del prezzo “rasoterra”, ha alcune funzioni davvero notevoli. Per prima cosa, ti consente di impostare sia il timer sia le temperature, grazie alle due sezioni apposite presenti sulla scocca frontale dell’apparecchio.

Si tratta ovviamente di un prodotto 2 in 1, quindi ti permette di stirare e di asciugare in contemporanea gli indumenti. Ha una buona potenza di base, pari a 1.200 watt, mentre i valori sono i seguenti: il timer può essere impostato da un minimo di 15 ad un massimo di 180 minuti, e le temperature da 30 a 70 gradi. Si tratta di uno stiratore adatto per una taglia massima XL, ed è piuttosto rapido, perché raggiunge un calore elevato.

Altri elementi da sottolineare sono la presenza di un pannello di controllo touchscreen, un buon numero di intervalli selezionabili sia come temperatura che come timer, e un sacco realizzato in tessuto nylon Oxford. Può reggere un peso massimo di 2 chilogrammi, ha il manuale d’istruzioni in italiano e nel pacco troverai anche il sacco per stirare e asciugare i pantaloni.

Impiega un po’ più di tempo per asciugare, intorno ai 20 minuti circa se i capi sono molto bagnati, ma è del tutto normale data la potenza moderata del motore. Purtroppo il sacco non ha le cerniere per allargarlo e la confezione non include le mollette-peso, ma puoi sicuramente trovare una soluzione con un pizzico di fai da te. Considerando il prezzo, sono limiti più che accettabili!

3. CLEANmaxx Stiracamicie LIDL con Funzione Vapore

È lo stira camicie automatico esposto dalla LIDL, ed è un ottimo prodotto come sempre per un utilizzo domestico. Pur non essendo perfetto, ha alcune chicche che altri modelli non hanno, come la funzione opzionale di stiratura a vapore. Potrai infatti sfruttare la caldaia incorporata per rinfrescare le camicie che hai indossato, senza per questo doverle lavare di nuovo.

In alternativa potrai usare la classica funzione di stiratura a secco, che sfrutterà soltanto il calore e il gonfiaggio del manichino. Purtroppo il sacco per i pantaloni non è incluso nel pacco, ma potrai acquistarlo a parte ad un prezzo abbastanza basso (20 euro circa). Come si comporta? Le prestazioni sono ottime, pur avendo qualche difficoltà nello stirare efficacemente zone come il colletto e i polsini, ma è del tutto normale.

Se vorrai ottenere un risultato perfetto, ti toccherà dare un colpetto di ferro aggiuntivo, ma a meno di non avere necessità particolari basta e avanza il lavoro svolto dalla macchina. Le due funzioni possono essere selezionate dal pannello touchscreen, è del tutto automatico ma produce un po’ di rumore (altro limite normalissimo).

Per quel che riguarda i tempi, impiega circa 7 minuti per stirare i capi già asciutti, mentre per quelli bagnati si possono superare anche i 15 minuti. Ricordati naturalmente che non è un prodotto professionale, quindi dovrai mettere in conto qualche limite, com’è giusto che sia visto il prezzo. Di contro, nel pacco troverai anche le mollette-peso, e questo si tratta di un vantaggio da sottolineare!

4. Dry Magic Manichino Stira Camicie ad Aria 2 in 1

Ho deciso di chiudere con un altro modello di fascia media, adatto per un utilizzo in casa e dunque non professionale. Possiede bene o male le stesse caratteristiche degli altri, anche se ha un aspetto un po’ più spartano. Non c’è il display ma una manopola, che ti consente di impostare il timer, da un minimo di 30 fino ad un massimo di 180 minuti. Volendo potrai usarlo anche in modalità continuativa posizionando il cursore su ON.

Le tempistiche? Con i capi asciutti riesce a completare le operazioni in soli 5 minuti, mentre con gli indumenti bagnati richiede almeno 15 minuti di attesa. Il pacco include una dotazione piuttosto basica, dato che non troverai né l’accessorio a sacco per i pantaloni, né le mollette per aggiungere peso alla camicia. Di contro, può reggere un peso massimo superiore alle medie, intorno ai 3,5 chilogrammi, ed è davvero facile da usare.

È rumoroso al pari di tutti i prodotti di questo tipo, e non riesce a lisciare perfettamente il colletto e i polsini, ma ancora una volta si tratta di un limite comune negli apparecchi di questa fascia. Il sacco può essere aperto grazie alle cerniere laterali, così da adattarlo fino ad una misura massima di XXL. Il motore ha una potenza pari a 1.200 watt e consente di raggiungere una temperatura del flusso d’aria calda intorno ai 65 gradi.

Pur non essendo un prodigio tecnologico, svolge bene i suoi compiti a dispetto dei classici limiti degli apparecchi non professionali!

Come scegliere lo stira camicie automatico

1. Potenza e riscaldamento

Dalla potenza del motore dipenderà ovviamente il calore che il flusso d’aria riuscirà a raggiungere, quando metterai in funzione il tuo omino stira camicie. In genere la potenza, che viene sempre espressa in watt, in un apparecchio di questo tipo difficilmente supera i 1.800 watt, ma come sempre esistono delle eccezioni. Significa che i modelli meno costosi potrebbero avere un wattaggio inferiore, mentre quelli top gamma superiore. Ricorda che ad un calore più alto equivale anche un tempo di asciugatura più rapido.

Come ti ho anticipato, difficilmente troverai un termostato incorporato nella base. Vuol dire che non potrai selezionare il livello di calore del getto d’aria calda, ma non si tratta né di un limite né di un difetto. Anche in modalità fissa, infatti, la tua stiratrice per camicie produrrà abbastanza calore da asciugare il capo d’abbigliamento in pochi minuti (di solito da 5 a 10, a seconda della potenza del modello).

2. Funzioni e stiratura con vapore

Un manichino stiracamicie automatico standard ha soltanto una funzione, ovvero la stiratura a secco, che avviene esclusivamente con il gonfiaggio del sacco grazie al flusso di aria calda. Certi apparecchi, di categoria più elevata, hanno un display che ti consente di scegliere fra due modalità. Nello specifico, oltre alla stiratura a secco potrai selezionare come alternativa la funzione a vapore. Si tratta di un comodo extra, utile soprattutto per rinfrescare e per igienizzare gli abiti che hai già indossato, senza per questo doverli lavare!

3. Timer incorporato

Il timer generalmente può essere impostato fino ad un massimo di 180 minuti, grazie all’apposita manopola sulla scocca frontale. Ovviamente nessuno ti impedisce di usarlo in modalità continua, semplicemente posizionando il cursore su ON. Considera che in genere è possibile modificare il timer selezionando varie tacche con uno scarto di 30 minuti circa (esempio: da 120 a 150), ma questo fattore può cambiare in base al modello.

4. Sacco del manichino

Il sacco, come oramai avrai capito, ha una serie di fori posti sul davanti del manichino, che consentono all’aria calda di fuoriuscire e di permettere l’asciugatura della tua camicia. Ricordati appunto di inserire il sacco con i fori rivolti verso di te, perché in caso contrario la macchina non riuscirà ad asciugare bene il capo d’abbigliamento. Considera inoltre che, nel caso dovessi stirare dei capi XXL, il sacco può essere “allargato” tirando giù le zip laterali, per potersi gonfiare ancor di più. La parte inferiore, invece, ha un elastico che va fissato sulla testa del corpo macchina, per impedire all’aria di uscire da sotto.

5. Accessori in dotazione

In dotazione nel pacco dovresti trovare sempre le mollette-peso, che vanno attaccate all’orlo della camicia per tenderla verso il basso. Si tratta di piccoli extra molto utili, in quanto miglioreranno la lisciatura del tessuto e l’eliminazione delle pieghe. Un altro accessorio molto interessante, ma non sempre presente nella confezione, è il sacco con le gambe. Si tratta dell’opzione che dovrai usare per far “indossare” i pantaloni al tuo manichino stiracamicie!

Manichini stira camicie ad aria più venduti

crediti immagine: zartsprod.org

Ultimo aggiornamento 2022-01-19 at 03:15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Lascia un commento